Il manuale dell’antimperialista perfetto

Ci accingiamo ad elencare le semplici regole che permettono al militante di sinistra di praticare l’antimperialismo perfetto.

L’ipotesi da cui partire è che un paese e il suo governo  subiscano un’aggressione imperialista, ebbene il militante dovrà appoggiare senza sé e senza ma la lotta di resistenza di questo paese solo e soltanto se:

  • Questo paese implementa una democrazia orizzontale dove in nessun modo sia praticato o avallato da alcuna istituzione pubblica o privata lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo e dove non si limiti ingiustamente la libertà di alcuno.
  • Il governo di questo paese preferibilmente non abbia un leader e, nel caso lo abbia, questi sia un giglio, specchiato, inappuntabile che quivi si trova pro-tempore e in virtù di un processo autenticamente democratico, possibilmente unanime.
  • Il paese sia prospero o se ne dovrà dedurre che il governo locale tiene il paese nella miseria.
  • Il governo di questo paese non deve possedere armi di distruzione di massa e col loro stesso possesso minacciare la pace mondiale.
  • Il paese non sia appoggiato da potenze maggiori o minori che possano esse stesse accusate di avere mire imperiali, altrimenti ci si troverebbe all’interno di un conflitto inter-imperialistico con tutte le contraddizioni e le ambiguità che questo comporta.
  • Il governo del paese aggredito sia laico e non permetta dunque il protrarsi di alcuna forma di oppressione derivante da tradizioni religiose o tribali.
  • Il governo del paese aggredito non deve avvalersi dell’appoggio di forze militari o milizie locali le cui pratiche di battaglia possano essere assimilate in qualche modo, nei metodi o negli obbiettivi, a quelle comunemente descritte come terroristiche

Se ne deduce che allo stato dell’arte e dopo un’esaustiva analisi del globo terracqueo i paesi che, qualora aggrediti da una potenza imperialistica, meritano di essere difesi “senza sé e senza ma”, con piena adesione anche soltanto limitata alla fase e agli obbiettivi della resistenza, per il militante antimperialista perfetto risultano essere momentaneamente: zero.

Morte all’imperialismo!
Fine della trattazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...