Big Brother Barak (II)

 avevamo azzardato la scorsa settimana , l’affermazione di Claudio Fava sulla possibilità che i servizi segreti italiani fossero al corrente dell’attività spionistica della NSA sulle utenze nazionali, si è rivelata  tutt’altro che campata in aria.

 contrario, non stava francamente in piedi che gli USA avessero intercettato Francia, Spagna, Austria e Germania ma non l’Italia, come aveva fantasiosamente esternato il presidente del Copasir Stucchi, farneticando peraltro su filtri dell’NSAposti lì per schermare il traffico digitale italiano. Il caso Telecom dimostra che le intercettazioni illegali, in osservanza dell’ ART.15 della Costituzione tutte quelle non disposte da un magistrato, sono la norma non l’eccezione e che è già successo che persone vicine ai servizi ne fossero coinvolte.

Nel frattempo il Datagate dilaga assumendo proporzioni globali e contorni inquietanti. Ieri il capo della NSA Keith Alexander ha dichiarato che i dati gli venivano forniti dai servizi segreti europei: si presuppone di nascosto dai rispettivi esecutivi, se è vero che è stata spiata Angela Merkel. Se è vero, visto che la quantità di notizie e indiscrezioni si sta moltiplicando a dismisura e lanci di agenzia coinvolgono a diverso titolo Google (spiato), Microsoft (collaboratore) e Yahoo! (spiato), patti segreti stipulati tra servizi (incaricati da chi?), programmi di intercettazione di massa dai nomi testosteronici, Muscular, o psichedelici come PRISM. La NSA smentisce quasi tutto, compresa l’intercettazione del pontefice, col Vaticano che fa spallucce con la sicumera di chi è troppo esperto per non affidare ogni comunicazione davvero riservata a un buon vecchio sigillo di ceralacca.

La notizia meno credibile, probabilmente artefatta, è quella secondo cui al G20 Putin abbia regalato come gadget agli altri capi di stato delle chiavette USB con le quali spiarli. Chiunque abbia una qualche vaga cognizione tecnica intuisce che la cosa non sta in piedi. Difficile pensare che la chiavetta nascondesse una cimice di qualche tipo, perché chi vuole spiare con una cimice un capo di stato non gliela regala, la nasconde senza farsi vedere, o sarebbe come lasciare la firma. Più credibile che nascondesse un malware in grado di inviare i dati del computer a cui la chiavetta veniva connessa, ma anche in questo caso, visto che si tratta presumibilmente di un computer super controllato, il rischio di essere scoperti risulta altissimo. C’è da dubitare che un Capo di Stato o di Governo sia così imprudente da usare, senza averlo prima sottoposto a bonifica, un oggetto che gli ha regalato Putin, un ex dirigente del KGB trasmutato in zar postmoderno.  Hanno bonificato anche il lettone, c’è da scommetterci.

[Leggi tutto…]

tacete fondo-magazine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...