Un giorno di ordinario fascismo

Per un’intera generazione, in particolare per chi oggi ha tra i trenta e i quarant’anni, il G8 di Genova 2001 costituì uno spartiacque. Le ultime leve della generazione X, per definizione considerate apatiche, figlie del consumismo e prive degli slanci ideali che caratterizzarono i baby-boomer, scoprirono il proprio potenziale rivoluzionario mentre il movimento anti-globalizzazione iniziava ad andare in pezzi: prima schiacciato dalla repressione, poi sgretolato dalle contraddizioni interne e dalla scarsa preparazione politica.

Il movimento fu represso perché intorno ad esso il livello di partecipazione stava crescendo, raggiungendo livelli sconosciuti alle proteste degli anni 80 e 90, crescita di cui il G8 di Genova rappresentava il momento apicale. La globalizzazione neoliberista, che nessuno aveva votato, veniva messa in discussione quando forse il corso del suo sviluppo poteva ancora essere cambiato. I sanguinosi fatti di quel Luglio rappresentano di certo una ferita collettiva, ma anche l’unico ricordo comune che vide quella generazione potenziale protagonista. Seppur con una divisa addosso, alla stessa generazione appartenevano gran parte degli agenti delle forze dell’ordine.

A dodici anni di distanza sappiamo che le responsabilità politiche di un governo i cui esponenti ancora infestano la vita pubblica del paese, non saranno mai accertate nel dettaglio: non a caso nel 2007 un Parlamento di colore opposto bocciò l’istituzione di una commissione parlamentare sull’accaduto. La morte di Carlo Giuliani resta un paradossale caso di morto ammazzato senza processo, senza assassino e soprattutto senza spiegazione, se si esclude una dinamica balistica improbabile quanto conveniente. Le responsabilità giudiziarie hanno negli anni, in diversi filoni di inchiesta (scuola Diaz, Piazza Alimonda, Piazza Manin, processi per devastazione e saccheggio, etc… ), prodotto condanne per i manifestanti e per le forse dell’ordine, spesso contestate e insufficienti.

[Leggi tutto…]

2 thoughts on “Un giorno di ordinario fascismo

  1. FG ha detto:

    Il link non funziona: é un caso?

  2. aramcheck ha detto:

    Sì è che c’è stato un cambio di piattaforma sul sito destinazione, l’articolo continua qui:
    http://www.lineadiretta24.it/esteri/2229-sentenza-bolzaneto-un-giorno-di-ordinario-fascismo.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...