Fondata sul lavoro?

Il dato sulla disoccupazione fornito questa settimana dall’Istat è quello che meglio sintetizza lo stato della crisi in Italia. Il numero dei disoccupati a maggio ha raggiunto il 12,2%, una soglia mai toccata neppure durante la crisi degli anni novanta, il dato peggiore dal 1977 anno d’inizio le serie storiche.

La specificità italiana tende inoltre a sottostimare il conteggio rispetto a quello di altri paesi a causa dell’alto tasso di inattivi e scoraggiati, soprattutto donne e soprattutto nel meridione, e per l’ampio ricorso alla cassa integrazione che crea una camera di compensazione per molti lavoratori in mobilità, non ancora disoccupati ma che non rientreranno mai nelle rispettive aziende. Infine, il lavoro precario e sottoccupato ha creato una zona grigia di milioni di lavoratori con reddito insufficiente e nessuna possibilità di programmazione economica del proprio futuro. La scarsità di reddito deprime i consumi interni, demolendo le molte aziende che non riescono a esportare…

[Leggi Tutto]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...