Miracolo a Lampedusa.

Tacciano i corvi rossi, migrino altrove le cornacchie disfattiste, spariscano una volta per tutte dal suolo patrio i gufi mediatici. Se ne vadano proditoriamente  in un altro paese con le valigie di cartone rigonfie di maldicenza e calunnie, tutti costoro, visto che di questo paese sanno vedere soltanto gli inevitabili difetti e mai le grandi risorse, energie e capacità. A smentirli per l’ennesima volta c’è l’ennesimo miracolo della buona politica di cui, sarebbe un delitto non farlo, ci gloriamo di poter tessere le meritate lodi: la nuova rinata Lampedusa.

E’ancora piena estate nell’isola, verrebbe da dire, il vento capriccioso di Settembre non ha messo in fuga i bagnanti che anzi si accapigliano l’un l’altro, in vere e proprie risse per contendersi le spiagge dorate e, soprattutto, l’accesso ai campi da Golf costruiti dal premier. Non soltanto l’isola non si è svuotata dai turisti ma anzi, pare, si siano accesi degli inaspettati attriti tra gli isolani, ansiosi di risposarsi  dai bagordi estivi scaldati dal tiepido sole autunnale, coi nuovi arrivati, i rumorosi  turisti e i nuovi residenti nordafricani attirati dalla No-Tax Zone, dallo splendore dei casinò di recente costruzione e, soprattutto, dalla lussureggiante opera di riforestazione. Tutto secondo programma, tutto come promesso.

>


Foto sx- Ressa davanti al Casinò- Foto a dx- giocatori di Golf che attendono che si liberi il campo

La proverbiale accoglienza e generosità italiane hanno di certo, come mille volte in passato, contribuito a trasformare quella che fino a pochi mesi fa era una una terra abbandonata dallo Stato e ferita dai flussi migratori, in una piccola Cuba (prerivoluzionaria naturalemente) del Mediterraneo, eppure stavolta c’è di più. Stavolta non si può non rendere onore alla lungimiranza della politica e dello Statista in particolare che, oltre a risolvere l’emergenza, ha saputo guardare oltre il corto orizzonte del cittadino comune presagendo, quando ancora chiunque vedeva conflitti, miseria e caos, la futura candidatura dell’isola a Premio Nobel per la Pace, riconoscimento che oggi nessuno all’Accademia di Svezia si sognerebbe di negare al piccolo, pacifico, paradiso del Canale di Sicilia, anche soltanto dando una rapida occhiata alle immagini di queste ore:

Nelle foto i fuochi d’artificio per la festa patronale, accolti tra lo giubilo di turisti e residenti.

3 thoughts on “Miracolo a Lampedusa.

  1. utente anonimo ha detto:

    non dirmi che anche tu come me, non ci faresti un pensierino a comprarci una bella villetta, con un porticciolo privato, dalle finestre colorate di pace e di sole… non dirmelo, perchè non ci crederei…

    no?
    no no?

    Io comprerò casa! Ho già incaricato un agente immobiliare…

    el moro

  2. Aramcheck ha detto:

    C'ho pensato ma la villetta più carina pare l'abbia già comprata un ricco imprenditore brianzolo…

  3. utente anonimo ha detto:

    Povera Patria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...