“A.A.A. Cercasi” e sterili divagazioni difficili da seguire (ovvero Arte della Crisi)


do ho-suh ap photo_kin cheung

Foto Do Ho-Su

Conosco le regole. So che nei blog fichi(*) non sta bene condividere i video di cantanti italiani, specie se popolari e specie se abbastanza Pop. Un video musicale, se proprio lo vuoi postare, meglio se sia straniero. Anche molto straniero, puoi essere esotico a piacimento. Soprattutto però deve essere underground, di genere irriconoscibile e ricercato. Se è molto underground può perfino permettersi di essere italiano. Può essere inascoltabile o non entrarci nulla con quello che hai appena scritto nel post, ma se è underground è ok. Si aprono parziali eccezioni per i brani ricercatamente vintage, ma bisogna stare attenti: il virus del mainstream può sopravvivere in stato di ibernazione per decenni.

So che funziona così, credo la cosa abbia anche un senso, e fino a qualche anno fa me ne sarei astenuto. Ma viviamo in tempi strani, io e il blog ci sentiamo sempre meno fichi, e nulla è mai quel che sembra

DIVAGAZIONE: Quest’ultima frase “in cui nulla è mai come sembra” di recente è abusatissima nei trailer dei film e soprattutto nelle presentazioni dei libri. DIVAGAZIONE DI 2°LIVELLO: Sono quei virus lessicali, malanni stagionali della Lingua, che appestano i discorsi  e gli scritti per qualche doloroso periodo. Tutti voi ricorderete con orrore  l’epidemia di “quant’altro” che colpì la penisola soltanto pochi anni fa e dalla quale la lingua italiana non s’è mai ripresa del tutto. FINE DIVAGAZIONE DI 2° LIVELLO Tornando al “in cui nulla è come sembra”, vorrei far notare ai copywriter che se me lo dici prima ti bruci l’effetto sorpresa. Inoltre, questo continuo ricorso al colpo di scena disvelatorio radicale multiplo, in cui tutto è necessariamente doppio, non può risolvere sempre ogni scelta narrativa. Il colpo di scena ormai è che non ci sia nessun colpo di scena, al punto che anche questo espediente sta cominciando ad annoiare. Il ribaltamento di senso funziona soltanto quando è significativo, altrimenti  si precipita nella sindrome di Dan Brown. Se l’arte morisse di overdose da thriller, ecco, quello sarebbe un colpo di scena. Qui giace la Musa, stroncata a colpì di suspence.  Non puoi, in breve, vendere qualcosa di complesso come il cinema o la letteratura facendo leva sempre su un unico aspetto, il quale tra l’altro è soltanto un potente strumento narrativo: non ha valore qualitativo in sé. E’ ora di cambiare frase per i promo oppure sono a corto di idee anche all’ufficio marketing? FINE DIVAGAZIONE.

Il brano non abbastanza underground è questo:

Sì lo so, in un blog ferocemente intellettuale non si posta Carmen Consoli. Lo so e me ne faccio una ragione. Però questo video mi dava la misura precisa di come un’artista ispirata possa veicolare un messaggio più esatto, efficace e puntuale, di centomila manifestanti armate di slogan contro i pericoli di una certa cultura maschile mediaticamente e politicamente dominante. Una manifestazione quella delle donne di cui, pur condividendo pienamente i contenuti generali, molte cose tra cui tempistica, bersaglio e messaggio esatto non sono riuscito inizialmente a capire bene. Bisogna stare attenti, in questi tempi (in cui nulla è  mai com…) ci vuol poco infatti a trovarsi nella condizione, di per sé assolutamente surreale, in cui uno Giuliano Ferrara smutandato ti accusa pubblicamente di essere un bigotto.

Vedendo il video invece comprendo immediatamente: perché questo è in parte il ruolo dell’artista e perché la Consoli è brava.

E bellissima anche, ma me ne accorgo perché è brava.

(*) Dalle mie parti si dice così, quella G di figo non l’abbiamo mai digerita.

10 thoughts on ““A.A.A. Cercasi” e sterili divagazioni difficili da seguire (ovvero Arte della Crisi)

  1. Ucalcabari ha detto:

    Mah… Resto dell'idea che ha ragione Ferrara e soprattutto della vecchissima convinzione che non si va a manifestare insieme ai fascisti (tra i promotori addirittura la direttrice del secolo d'italia fausta perina e la mezzogiorno)… a differenza di quello che pensano i Jovanotti che credono in un'unica grande chiesa che va da che guevara a madre teresa…
    Saluti

  2. Ucalcabari ha detto:

    ahahahahah…il più classico dei lapsus… non Fausta, ma Flavia Perina

  3. Aramcheck ha detto:

    Mah… Resto dell'idea che ha ragione Ferrara

    Piu' che aver ragione Ferrara (che a me sembra in malafede pure quando respira), è la manifestazione che nella vaghezza dei messaggi e nella tempistica relativa alle festicciole di Arcore ha offerto il fianco. Non posso pensare che per aprire una discussione sul ruolo della donna nella società servisse il caso Ruby e le fughe di notizie su ciò che avviene ad Arcore la notte, è roba da pazzi.
    Se la domanda è : "Se non ora quando"?
    La risposta migliore a me sembra  "Almeno trent'anni fa".

    e soprattutto della vecchissima convinzione che non si va a manifestare insieme ai fascisti (tra i promotori addirittura la direttrice del secolo d'italia fausta perina e la mezzogiorno)…

    Boh, quando sento Berlusconi parlare di comunisti nel centrosinistra (magari ce ne fossero, per certi versi) invoco la neuro-deliri. Francamente a sentir parlare oggi la Perina non sembra affatto fascista (e da prima della svolta anti-Berlusconiana). Per me gli eredi veri dei fascisti restano le camice verdi, nient'altro che nazionalisti e suprematisti di provincia.

    OT: Ma lo hai riaperto il Blog?

  4. Aramcheck ha detto:

    il lapsus "Fausta" per via di Bertinotti?
    L'ho capita adesso :)

  5. Ucalcabari ha detto:

    Si, l'ho riaperto quando mi ero accorto che nel circuito eravamo rimasti 4 fessi… Mentre tutti il resto della gente si era trasferita sul puttanaio… Perchè fanno tutti quanti i verginelli, ma nel segreto di quelle chat, lontani dagli occhi di mogli,mariti,fidanzati,etcetc succede il di tutto!

    Sulla questione di chi definire fascista o meno potremmo discutere per ore… Ma oggi come oggi credo sia più interessante definire il concetto di Sinistra, tema che   vive un tragico ribaltamento, conseguente ad una ventina d'anni d'indottrinamento… E per tale non mi riferisco al "COMUNISTI COMUNISTI COMUNISTI" del Silvio Nazionale, ma bensì alla propaganda fatta dalla Sinistra Istituzionale (politici, intellettuali, etcetc).
    Com'è accaduto che la gente di Sinistra considerasse concetti come la Legalità al di sopra di tutto il resto?
    La Legalità… Ma stiamo scherzando? Il rispetto della Legge sopra ogni cosa?
    Negli anni 70 i Compagni di una certa età avrebbero risolto la questione legalità con una serie di sani schiaffoni…. Un Saviano sarebbe stato preso a calci nel culo, non idolatrato come eroe…. Ma tant'è… A questo ci siamo ridotti.

  6. Aramcheck ha detto:

    Come è accaduto… due processi distinti, in parte convergenti ,credo:

    1) Da un lato c'è la sinistra parlamentare(diciamo dai DS a Rifondazione) che ad un certo punto (dopo la caduta del pentapartito) ha capito (in tempi e modi diversi) che poteva davvero andare al governo e per un discorso di legitimazione ha dovuto prendere progressivamente distanza dalle posizioni antagoniste. Se governi devi parlare con gli americani, dirigere il ministero dell'interno durante le tensioni sociali, parlare coi banchieri e con Confindustria. Su posizioni antagoniste anni 70 queste cose non le puoi fare, puoi provare a fare la rivoluzione… e fallire. Non tutte queste cose mi piacciono ma sono scelte politiche, almeno in parte, inevitabili al presente stato delle cose (cambiare lo stato delle cose è appunto ciò che chiamiamo Rivoluzione). Va da sé che l'unica posizione possibile per una sinistra di governo diventi: potete lottare per i vostri ideali ma entro li confini della legalità, di cui noi siamo candidati a essere i nuovi garanti.

    2)Dall'altro lato è successo qualcosa che  riguarda l'intera area di sinistra, ben oltre i partiti. Io me lo giustifico con una metafora calcistica:

    – Se le regole sono valide e riconosciute per entrambe le squadre, la partita puo' cominciare e io mi concentro sul fare gol: perseguo cioè obbiettivi politici e sociali della mia parte.
    – Se l'avversario non accetta il quadro di regole condiviso (la Costituzione) e aggira le regole, le cambia in corsa a proprio vantaggio, sposta le linee, ignora i fischi arbitrali, ignora il principio di uguaglianza tra i giocatori, si spartisce la stecca con gli scommettitori in modo sistematico: il mio primo obbiettivo diventa poter cominciare la partita, ripristinare appunto  le regole. E in questo tipo di battaglia, limitatìissima e priva di alcun respiro politico, persone come Saviano, Travaglio o Sartori, volente o nolente, giocano dalla tua stessa parte.  Di qui la legalità come bandiera unica e  obbiettivo minimo. 

    E' il lato deteriore del Berlusconismo che si specchia nella scala di  priorità di una parte della sinistra che lo contrasta. Un' altra parte, per me peggiore,  ci si specchia in senso classico: gli somiglia sempre di più, senza neppure contrastarlo.

    Non so più nemmeno cosa sia auspicabile,  soltanto   la fotografia di quanto è successo a me sembra sia più o meno questa.

  7. Ucalcabari ha detto:

    Seppur triste il tuo quadro melanconico è fin troppo ottimista per come la vedo io.
    La scelta del compromesso politico è una cosa che puoi scegliere di poter portare avanti per brevi periodi di tempo se no accade una cosa molto semplice… Abbracciare una bugia per molto tempo la fa divenire una realtà, soprattutto ai nostri tempi. Se non sono stato chiaro ti faccio un esempio: oggi un ragazzo di 20 anni che si sente schierato politicamente o umanamente a sinistra, sa davvero cosa significa? Non credo proprio… Ho visto le foto di Saviano ieri a Genova, con centinaia di giovani adoranti che facevano la fila per sentirlo parlare… Uno che sotto sua stessa ammissione è cresciuto anche coi libri di Pound ed Evola, che rispetta la figura di Almirante e che ritiene Israele la democrazia più tollerante del pianeta…

    In conclusione io ritengo che il ribaltamento culturale all'interno della sinistra non sia dovuto alla semplice necessità di contrastare un tiranno che prende a calci la Costituzione (poi mi piacerebbe sapere in quale ambito della costituzione rientra regalare la concessione di autostrade spa a Benetton o Telecom a Moratti dopo uuna serie di passaggi che va da Colannino in poi…tanto per fare due esempi, ma te ne potrei fare tantissimi), ma da un disegno sopraffino che parte dalla caduta del Muro di Berlino in poi… Ribaltamento che ha portato la Sinistra a scegliere come tema centrale della sua attività il rispetto per la Legalità, che non è nient'altro che la difesa dello status quo.

    P.S. Oggi uno se si permette di criticare i fondamenti del capitalismo viene subito tacciato d'essere un vetero-comunista… Accusa che il più delle volte ti arriva dagli intellettuali di Sinistra.

  8. utente anonimo ha detto:

    Sottoscrivo ogni parola detta da Ucalcabari. Il fatto che eroicamente saviano abbia deciso con nomi e cognomi di denunciare la mafia con gomorra non lo rende santificabile e non ne fa un dio in terra. Daltronde Saviano stesso è quasi pentito di aver scritto gomorra, così ha detto, perchè poverino non credeva che dopo gli sarebbe successo quello che è successo. A meno che non provenga da un altro pianeta mi domando dove ha vissuto prima di scrivere gomorra?
    Aggiungo che per me la parola eroe spesso se non sempre non si configura in maniera positiva.

  9. Aramcheck ha detto:

    Firmarsi, please.

    perchè poverino non credeva che dopo gli sarebbe successo quello che è successo. A meno che non provenga da un altro pianeta mi domando dove ha vissuto prima di scrivere gomorra?

    Beh, altri avevano scritto le stesse cose anni prima passando inosservati. Oggettivamente la differenza che lo ha reso uno tra i primi  bersagli della Camorra non è il contenuto, ma il  successo del libro.

  10. Ucalcabari ha detto:

    L'eroe italico ha avuto dalla sua un editore che conosce i segreti della promozione e della distribuzione come nessun altro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...