Immagini. Elogio di un finanziere e sfogo di un manifestante.

E’ difficile mettere in ordine  pensieri in un momento in cui la situazione politica, economica e sociale, rischiano di deflagrare da un momento all’altro. Sono pessimista e credo che dopo anni di stallo alcuni nodi stiano  velocemente venendo al pettine: non sarà di certo una rivoluzione ma, temo, non potrà essere neppure un pranzo di gala. Riguardo alla rivolta studentesca, a come questa si inserisca all’interno della più vasta crisi sociale, ai miei timori sul fatto che difficilmente le cose possano migliorare (per ragioni prevalentemente economiche) in tempi che si possano definire brevi, cercherò di fare un’analisi più avanti. In questo post e forse nel prossimo vorrei raccontarvi di alcune immagini che mi hanno colpito il 14 Dicembre 2010, giorno della fiducia a B. e della guerriglia di piazza del Popolo.

La prima immagine.

Nroma-finanziere-pistolael 2001 non rimandando neppure a processo Placanica lo Stato stabilì, de facto, che un agente delle forze dell’ordine durante una manifestazione, se coinvolto in  una situazione di pericolo grave e imminente  può estrarre una pistola e sparare, fino alle estreme conseguenze, senza subire sanzioni. Possiamo discutere se questo sia giusto o meno, valutare la reale entità del pericolo imminente caso per caso, ma ciò che avvenne a Genova è un chiaro precedente ben scolpito nell’immaginario del paese. Adesso guardate la foto di fianco,l’agente della Guardia di Finanza aveva perso il casco, le manette ed il manganello tutti ormai in mano ai manifestanti e stava subendo una chiara aggressione a mio avviso ben più concreta di quella che un estintore, a cinque o sei metri di distanza dall’esterno di un Defender, potessero rappresentare in quell’estate del 2001. Il finanziere poteva sparare sicuro di raccogliere la solidarietà dei colleghi, del governo, del ministero, vedendosi riconosciuta la legittima difesa in sede giuridica, gli applausi da buona parte dell’opinione pubblica ostile ai manifestanti violenti e, come avvenne allora, con tutta probabilità perfino una colletta milionaria da parte di qualche giornale di destra. Poteva sparare storpiando nel migliore dei casi o addirittura stroncando  per sempre, una giovane vita.

Il finanziere ha difeso la pistola, rinunciando ad usarla.

Il finanziere ha mantenuto la freddezza, la professionalità e, voglio pensare, l’umanità, in una situazione di  pericolo reale, confusione e animi surriscaldati.

Senza la sua professionalità oggi saremmo tutti in un paese peggiore, con un possibile morto in piazza ed un clima, se possibile, ancora più violento, radicalizzato e senza sbocchi.

Io voglio ringraziare quel finanziere anonimo, sperando che venga premiato, perché ha reso un servigio a tutti noi. Lo ha reso  a quei suoi colleghi che non hanno perso occasione per infierire su manifestanti già immobilizzati, calpestandoli o manganellandoli a terra. Lo ha reso a quel ragazzo cui non ha sparato e al movimento stesso che, nell’istante dopo il colpo di pistola, avrebbe potuto scoprire d’esser già diventato qualcos’altro.

Lo voglio ringraziare proprio perché non ringraziai Placanica, non riuscii a solidarizzare con lui e ritenni quella “legittima difesa” discutibile, sproporzionata o comunque degna di essere valutata senza frettolose archiviazioni.

Io nella foto vedo un anonimo eroe, un servitore dello Stato, un agente che merita per il proprio coraggio e sangue freddo d’essere portato come esempio.

La seconda immagine.

La seconda immagine proveniva in presa diretta dall’operatore del Corriere TV, subito dopo gli scontri di mercoledì. In una Piazza del Popolo ormai semideserta ma con i roghi ancora fumanti, con le camionette sullo sfondo e i Vigili del Fuoco ancora intenti a valutare i danni, l’operatore intervista due ragazzi. La prima è una ragazza con in testa un grosso ematoma dovuto ad una manganellata, lei che non era lì per la manifestazione ed è finita di mezzo agli scontri per sbaglio, preoccupata se tornare andare in ospedale o tornare a casa, fuori Roma, da dove era venuta presumibilmente per lo shopping natalizio. Il secondo era un ragazzo, un manifestante che tentava di spiegare al giornalista del corriere come si erano svolti i fatti. Ad un certo punto una signora sui cinquanta, ben vestita, scesa per portare a spasso il cane appena finiti gli scontri, prende la parola a proposito delle violenze rivolgendosi al ragazzo:

<<Questo ragazzi non è il modo giusto per farsi ascoltare, questi comportamventi vi si rivolgono contro>>

Il tono era amabile e un po’ paternalistico, intriso di quel politically correct e di quella solidarietà superiore e distaccata che non entra mai nel merito delle cose, marchio di fabbrica del PD. Mi aspettavo una risposta del ragazzo secondo copione: un accorato appello a comprendere l’esasperazione degli studenti, qualche concessione sull’inutilità e la pericolosità di quel genere di guerriglia, perfino una completa abiura di quanto accaduto. Nulla di tutto questo, il ragazzo l’ha guardata e le ha puntato contro il dito indice, accusandola personalmente:

<< Io non ho soldi di famiglia e se tagliano le borse di studio devo lasciare l’università, in ogni caso poi non avrò lavoro e quindi non ho nulla da perdere. Protestiamo da tre anni e non ci ascolta nessuno. E poi, la sa una cosa signò, E’ COLPA VOSTRA>>

Non voi del governo, non voi politici, non voi di destra,  la signora con tutta evidenza non era nessuna di queste cose. Non voi borghesi,  non siamo nel ’77. Voi delle generazioni precedenti. Voi padri e voi madri.

Voi che avete i diritti e qualche volta i privilegi,  voi che avete lasciato che a noi non rimanesse nulla. Articolo 18, pensioni decenti, una casa o la possibilità di acquistarla, fluidità sociale, stabilità e sicurezza. La signora  non era delegittimata politicamente a dare giudizi, ma anagraficamente. Per questo nessun partito di sinistra potrà mettere il cappello su queste manifestazioni. Per questo difficilmente  sarà la caduta di Berlusconi a frenare il malcontento. Almeno per loro, come scrissi due anni fa, la questione è soprattutto generazionale e chi ha più di 50 anni è ora che ne prenda definitivamente atto, politico o no,  se vuole sperare di essere minimamente ascoltato da questi ragazzi.

6 thoughts on “Immagini. Elogio di un finanziere e sfogo di un manifestante.

  1. Aramcheck ha detto:

    Scott Ronson? Qual buon vento

  2. utente anonimo ha detto:

    Io ho 45 anni, li faccio a giugno, posso dirti una cosa aram? Non ho partecipato il 14 ma sono sceso in piazza a quella dopo, sono stato molto ben accolto e solo in minima parte ho riscontrato questa situazione generazionale, soprattutto chi ha dato quella risposta a quella signora è uno che dice che non ha i mezzi per mantenersi gli studi e che tanto dopo non troverà lavoro. Falso perchè anche lui è un privilegiato. Altri della sua stessa età o di età diverse erano in piazza facendo due lavori a nero o lavorando e studiando contemporaneamente e dando esami con buon profitto(brutta parola,sigh!). Ciò che c'è di diverso ora da prima non è la lotta tra giovani e vecchi che c'è sempre stata rimanendo sempre marginale perchè risponde a un naturale moto di ribellione. Ora studenti lavoratori precari ricercatori soliti cani sciolti sono veramente incazzati perchè ogni sacrosanto diritto democratico è stato calpestato e fra poco nulla più resterà. Alla domanda fatta a chiunque fa parte del movimento di distinguersi dai violenti la risposta è sempre la stessa, oggi non ci sono più i gruppuscoli dei cattivi, oggi siamo tutti cattivi. Io non ho mai amato la violenza e pur essendo contrario a che il 14 le cose siano andate in quel modo, mi sento di dire come tutti sto con voi senza distinguo, questa è la novità. Il resto sono chiacchiere buone per la sociologia d'accatto. E aggiungo che chi va in giro con una pistola, chiunque esso sia, per me non sarà mai un eroe ma sempre e solo uno stronzo.  

  3. utente anonimo ha detto:

    Please, chiedo scusa, non ho firmato, sono crystal ciao

  4. Aramcheck ha detto:

    Io ho 45 anni, li faccio a giugno, posso dirti una cosa aram? Non ho partecipato il 14 ma sono sceso in piazza a quella dopo, sono stato molto ben accolto

    Non ho detto che non si fidano di chi ha più di trent'anni, dico che non combattono esattamente la stessa lotta e non vivono la stessa crisi.

    e solo in minima parte ho riscontrato questa situazione generazionale,

    La questione sociale, politica ed economica hanno connotati generazionali in questo caso, è innegabile che un giovane precario soffra la crisi più di un impiegato a tempo indeterminato nella stessa azienda e questo è un fatto.

    a chiunque fa parte del movimento di distinguersi dai violenti la risposta è sempre la stessa, oggi non ci sono più i gruppuscoli dei cattivi, oggi siamo tutti cattivi.

    Se fossero tutti "cattivi" e in 50000 avessero attaccato con tattiche di guerriglia urbana oggi Roma sarebbe un deserto e io e te saremmo profughi. Poi che il movimento non abbia preso le distanze dai violenti e abbia inserito quello strumento di contrapposizione tra le possibili forme di lotta lo so, è un altro fatto. Comunque mi riferivo soprattutto alla rappresentanza politica e ad una certa diffusa consapevolezza che la generazione che ha creato i problemi questa volta non sarà in grado di risolverli, nemmeno quelli che ce l'hanno contro lo stesso governo.  vedremo se hai ragione e questo elemento è meno marcato ce ne accorgeremo: sbucheranno fuori i guru e  buoni e cattivi maestri di altre rivoluzioni fallite a cercaredi cavalcare la protesta. Auguro ai ragazzi che non accada.

    A me la sociologia d'accatto piace o, almeno, piace in quanto tentativo di ragionamento sui fatti, appunto.  Se ci riesco ne produco un po'  nel prossimo post, buon natale.

  5. Aramcheck ha detto:

    # Riguardo i commenti cancellati: un confronto a voce di 5 minuti ha chiarito il malinteso, per il quale forse non sarebbero bastati altri 100 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...