Il dolore degli altri.

Eluana è morta tre volte. La prima volta è morta 17 anni fa quando, a causa di un disgraziato incidente, a morire è stata la sua mente impedendole di continuare a sperimentare il mondo sensibile. La seconda volta Eluana è morta quando la sua tragica vicenda e il suo corpo ormai inabile,  sono diventati il triste teatro dove si è svolta la danza macabra degli avvoltoi della politica, della religione e della morale. La bruttezza umana, la miseria culturale e la totale assenza di pudore e di contegno degli sciacalli sono ricaduti tutti sulla famiglia Englaro anch’essa condannata per tre volte.
La terza volta, infine, Eluana è morta ieri. Riposi in pace.

I politici.
Oscena, mille volte oscena, l’epifania della passione politica ritrovata dagli inamovibili burocrati di palazzo che si macchiano di ogni doppiezza e di ogni sotterfugio quando in gioco sono il loro potere e il loro portafoglio, spietati aguzzini che ragionano sempre per convenienza di fazione e poi s’indignano di colpo, all’ultimo minuto,  sul dolore e sulla pelle degli altri. Gridano all’assassinio loro che tacciono ogni giorno mille altri assassinii di vite spezzate per logiche a loro fin troppo familiari. L’enfasi posticcia, la dignità delle idee che ritrova vigore sul dolore lontano, finito forse vent’anni fa, del corpo di una ragazza e porta alla gogna il dolore attuale, lacerante ed estenuante di chi quella ragazza l’ha amata in vita e le ha dato la vita.
Dall’accenno alle mestruazioni e alla possibilità di avere figli,  al forzato scontro istituzionale, di chi ha avuto anni per intervenire su impianto normativo che oggi non gli sta piu’ bene perchè il padre di una ragazza ha scelto la via della battaglia civile e legale invece che accettare una condanna per sua figlia che lei non avrebbe voluto. Perché in condizioni simili a Eluana ce ne sono e ce ne sono stati molti e voi siete stati fermi, avete blaterato invece che scrivere le leggi come è vostro dovere e oggi ogni vostra indignazione è falsa, strumentale e colpevole. Siete tanto lesti a piegare la legge  ogni volta che tocca i vostri meschini interessi, che fanno pena le vostre lacrime ipocrite per la teocrazia che non c’avete imposto o per lo stato finalmente laico che non avete avuto il coraggio di costruire.
Il governo dell’ emergenza è un governo che ha fallito.
Quando il vuoto della legge deve essere colmato dalle sentenze del magistrato è il legislatore ad aver fallito in precedenza.

Con la sentenza dell’ultima corte la legge si è espressa, taccia dunque chi non ha agito per tempo potendolo fare, quale che fosse l’orientamento ipotetico del suo legiferare. Volontà, libertà e rispetto.
Se un cattolico vuole essere tenuto in vita ad oltranza, quale che siano le sue condizioni, questa sua volontà deve essere rispettata. Curato, sostentato, idratato e alimentato dallo stato laico, ma non si imponga ad altri un Dio che non è il loro, una morale che non è la loro e non si vìoli la sovranità della volontà della persona. La nostra volontà imperfetta e traballante è cio’ che ci fa uomini ed è l’ultimo baluardo della nostra libertà quando ogni altra libertà ci viene sottratta. Se fossi privato della possibilità di decidere vorrei che ogni decisione fosse posta nelle mani di chi mi ha conosciuto e amato in vita, non ad altri. Io non ho nulla contro coloro che assecondando la loro idea di pietà hanno mostrato pareri diversi, ma certe bieche espressioni della autodefinitasi cultura della vita mostrano la peggiore spietatezza nelle parole di monsignor Betori, il quale dichiara:

“[Le suore] Non hanno scritto libri né si son messe a frequentare le televisioni per dire le loro ragioni, traducendo un fatto umano in un volano di azione politica; ma nessuno può negare che, se la ragione sta dalla parte dell’amore, il loro amore è stato il più alto e il più concreto fra tutti.
Sono parole scelte con cura. In modo sconcertante si maschera da elogio per delle infermiere religiose il vile attacco al padre di Eluana, paragonando (con l’intento preciso di sminuirlo) l’amore di un padre che ha perso la figlia dopo averla vista crescere e sorridere a quello di chi ha (con umanità indiscutibile) accudito un corpo quasi esanime. Monsignore, il riferimento obliquo ai libri e alle televisioni è di un’indecenza che scade nell’infamia, è l’attacco deliberato ad altre vittime di questa vicen

da lanciato da uno scranno distante che mostra tutto il valore della sua idea di pietas. Lei monsignore punta l’indice, quando il suo Signore le ingiunse di non giudicare, contro un dolore a lei sconosciuto e insondabile, un dramma estenuante che puo’ non soverchiare soltanto una falsa coscienza. Questa non è la cultura della vita ma la cultura del dolore,  il dolore altrui  usato per espiare i propri peccati e per legittimare il proprio magistero. 

Ad alcuni il Cristo fa comodo eternamente sulla croce dalla quale non  vorrebbero mai vederlo scendere, a costo di usare le parole come la lancia di Longino contro chi lo piange dopo averne condiviso il calvario e averlo amato in vita.
Si rimetta la scelta alla volontà del singolo e la si rispetti, indipendentemente che questa sia guidata dalle sacre scritture o dall’aspirazione laica a una morte dignitosa. Soprattutto si rispetti il dolore altrui, perché contro di esso ogni essere umano combatte la propria battaglia da solo e con piena responsabilità.