Ronde: “Per servirvi, per proteggervi”.

Questo istruttivo articolo della Stampa ci informa che la Procura di Torino ha aperto, senza ipotesi di reato, un fascicolo sulla Guardia Nazioale Italiana, un’associazione che pare conti duemila volontari pronti ad organizzarsi in ronde per tenere più sicure le nostre città, sfruttando le norme disposte dal decreto sicurezza votato questa settimana.

Sul sito della Guardia Nazionale Italiana  Gaetano Saya  tiene a precisare  la natura non  violenta e legale dell’associazione, dopodiché lo statuto  descrive ruolo, uniforme e simboli dei coraggiosi volontari. Gaetano Saya,è il presidente del ricostituito MSI Destra Nazionale e leggo su un altro articolo del Corriere della Sera del 2005, ma lo ricordavo anche se se ne è parlò relativamente poco all’epoca, di come fosse stato di recente coinvolto nelle indagini sulla Polizia Parallela, la DSSA. Per sua stessa ammissione Saya è stato massone iscritto a diverse logge( il Corriere riporta anche la P2, ma non ho trovato sue dichiarazioni in merito),  collaboratore dei servizi  segreti, militante politico durante la rivolta di destra di Reggio Calabria, iscritto a Gladio. Veniamo ai simboli della Guardia Nazionale Italiana presentati sul sito, tra cui la bandiera italiana, l’ aquila imperiale romana e la ruota solare, o come precisato in seguito la ruota incandescente, questa:Le uniformi le trovate sul sito della GNI, basta cliccare  per farsi un’idea, anche se la foto pubblicata sulla Stampa ci concede già un quadro vagamente evocativo.

Che dire?

Io non mi iscriverò a questa formazione di volontari, li trovo un po’ diversi da mio zio di 85 anni che da 30 aiuta come infermiere  e tuttofare nella Croce Rossa Italiana. Mi ricordano qualcosa… un periodo storico diverso, mi sforzo da stamattina ma… chi si vestiva così? Non so la mia memoria comincia a vacillare. Sapreste per caso aiutarmi?  Boh… vabè comunque sono un po’ diffidente.
Il ministro Maroni mentre concepiva il decreto immagino non potesse pensare che avrebbero avuto voglia di organizzarsi in ronda anche formazioni presiedute da individui di estrema destra e un look, diciamo, che ricorda inavvertitamente tempi meno democratici. Perfino i caschetti sono di foggia non del tutto sconosciuta. Nessuno avrebbe potuto immaginarlo, figuriamoci… un effetto collaterale del buon decreto.

Adesso lo so che qualcuno si aspetterà che io chiosi dicendo che se questo decreto permettesse  l’aiuto al  presidio delle nostre strade da parte di ronde di volontari che si definiscono Patrioti e Nazionalisti in divisa e anfibi forse, ma dico forse, si potrebbe parlar di un po’, ma poco, di qualcosa che ricorda da lontano, per pura affinità estetica, le camicie brune. Poco però, poiché questi non se la prenderebbero con noi gente per bene, si limiterebbero a segnalare i criminali tra cui, per lo stesso decreto, tutti gli immigrati irregolari e non euroariani.

Non parlerò di fascismo, né di deriva fascistoide, né di neofascismo, né di squadrismo.

Siamo in democrazia, qui si vota.
Questo è un governo democratico.
Gli italiani non sono razzisti.
Non c’è nessuna deriva xenofoba.
Le ronde nascono tra pensionati e madri di famiglia preoccupati per la vivibilità del loro quartiere.
Parlare di regime è massimalismo.
Fascismo e comunismo, destra e sinistra, sono concetti obsoleti.

La Lega, come dice Sartori, non è di estrema destra, come  invece dice Borghezio pontificando davanti ai neofascisti francesi:  la lega si articola sulla conflittualità centro-periferia, tutt’altra cosa. 

Me lo diranno da destra, dal centro e da sinistra, me lo diranno i terzisti e me lo diranno giornalisti e  blogger indipendenti, alcuni dei quali stimatissimi.

Io non parlerò di fascismo perché ho perso la memoria e ho imparato la lezione.

Però, e non è detto che accada, se i ragazzi di Saya mi presidiassero il quartiere vestiti a quel modo e autorizzati dallo Stato, ci sarà una novità. Trovatelo voi il nome a questa novità: voi moderati, voi minimalisti, voi moderni.

Avete tutta la ricchezza del patrimonio lessicale italiano a disposizione e sono accettati anche i neologismi. Basta trovare le parole giuste per vestire la realtà e questa si fa già meno minacciosa e più digeribile: insomma, col nome giusto farà tutto  molto meno schifo.

Dategli un nome e quando lo avrete trovato, allora forse mi sentirò più sicuro. O forse no.

5 thoughts on “Ronde: “Per servirvi, per proteggervi”.

  1. uthertepes ha detto:

    Si chiamano:

    “Tornocolcazzodalviaggiodinozze”…

  2. brunobac ha detto:

    Brutta gente i massoni….

  3. Aramcheck ha detto:

    >già ti vedo andare di ronda …

    Al massimo ti concedo un “giro dei bar”.

    >Brutta gente i massoni….

    bah, non so dire. A me pare che l’ “aurea di mistero” o sia nella maggior parte dei casi una ricercata coreografia che ricopre come una patina lucciacnte una semplice e antica azione di lobbying e nepotismo.
    Ma ne so poco e forse semplifico…

  4. utente anonimo ha detto:

    beh, non scrivi più nulla di novo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...