I dolori del giovane Walter: Ricordiamone la statura politica.(II)

Quanto è venuta a mancare quel po’ di fiducia accordata sulla parola a Walter Veltroni? Circa diciotto minuti dopo che aveva cominciato a comportarsi da leader. Vale la pena passare in rassegna credo, come doveroso epitaffio politico, i grandi successi della leadership veltroniana.

L’audace presa dell’opposizione al potere.
Lui che era stato il delfino di Prodi, da vice e da ulivista della prima ora, esordisce pugnalando il traballante governo del suo mentore fondando un partito che sfascia la maggioranza su cui si poggiava. Il progetto che lo portò a questa scelta dolorosa e apparentemente scellerata per tempistica e opportunità politica era tuttavia assai nobile: distruggere un partito fondato da Gramsci per fondarne uno che abbracciasse finalmente la Binetti. Grande risultato, affondare il governo di cui si fa parte.Veltroni, il padre fondatore PD.
Il nuovo partito era formato per piu’ di due terzi da una base del PD, gente che fino a quindici anni fa si definiva comunista e tutt’ora senz’altro di sinistra e Veltroni, sagace, si affretta a specificare che il PD è un partito americano che si riunisce al Loft e non è di sinistra (non sia mai), bensì riformista(*). Un partito laico ma moderno, in cui non deve destare sconcerto che alcuni dirigenti siano usi autoflagellarsi col cilicio. Un partito che vede tra le proprie figure storiche di riferimento Craxi, ma non Berlinguer. Gran risultato, spiazzare i propri già disillusi elettori.

Veltroni e il dialogo.
Il grande capolavoro politico del nostro arriva pero’ tra il Novembre e il Dicembre del 2007, un mese da ricordare. In quei giorni Berlusconi fondava nuovi partiti da solo ad Arcore all’insaputa di Fini, il quale venutolo a sapere gli mandava a dire da Bondi (anche la lugubre scelta del messaggero è significativa) che “con lui Berlusconi ha chiuso, che la politica è la politica e che politicamente la frattura non è più sanabile” e ripeteva ovunque che “la CDL è morta e sepolta”. Sempre in quei giorni anche Casini aveva mandato a pisciare Berlusconi, lui sì definitivamente, il quale lo definiva da piu’ di un anno una palla al piede che aveva bloccato il precedente governo. Ecco, in questo contesto bisognava riformare la legge elettorale porcina, quella indecente fatta a colpi di maggioranza da Calderoli su commissione di Berlusconi. Quindi ricostruiamo la scena: il tuo avversario piu’ pericoloso è stato abbandonato dai suoi alleati e tu devi cambiare una legge elettorale truffaldina e autoritaria varata in fretta e furia contro di te. Ti servono i voti dell’opposizione a chi chiedi aiuto? Un uomo cresciuto nei boschi senza interagire con anima viva risponderebbe risoluto che dovresti accordarti con gli ex-alleati del tuo nemico e concedere loro qualcosa, in modo da isolarlo maggiormente e impedirgli altri sgambetti (do you rememenber bicamerale, Walt?) e forzature (il nome porcellum è autoesplicativo…). Un gruppo di scimpanzè che schiaccia due tasti a caso giungerebbe alla scelta migliore nel cinquanta percento dei casi. Veltroni scelse invece la strada del dialogo col Caimano, il quale fece un po’ di tira e molla, ricompatto’ la coalizione e caduto il governo, sondaggi alla mano, volle andare ad elezioni con la vecchia legge. Grande statista Veltroni, troppo avanti per i suoi tempi.

Veltroni da solo al traguardo.
Demolito il suo governo, gettate le basi per l’ingovernabilità del proprio nuovo partito e rivitalizzato il proprio avversario, Veltroni decide di dedicarsi alacremente al killeraggio dei propri alleati. Grazie alla sua coraggiosa scelta di far correre il PD da solo con la vecchia legge elettorale SD, PRC, PDCI, Verdi e comunisti zerovirgola di tutta la penilosa vengono tagliati fuori dal parlamento, disperdendo voti e radendo al suolo un’area politica che nel complesso in pa
ssato aveva rappresentato piu’ del 10% del bacino elettorale italiano. I comunisti, costretti dagli eventi ad una pratica contronatura quale la fusione tra loro medesimi, vanno chiaramente in frantumi. Sbaragliati i comunisti e tenuto alla larga lo SDI, Veltroni comincia una campagna elettorale in cui non nomina il suo avversario (sic!) e scopiazza lo slogan di Barak Obama (I’m sorry Walt, you can’t), maltraducendolo, senza sospettare che entrambe le iniziative potrebbero suonare un po’ forzate e ridicole. La verità è che qui Walter ha una delle sue ultime e grandiose intuizioni politiche: il vero avversario da battere non è Berlusconi no, è il subdolo antiberlusconismo  che si annida ancora tra le frange meno kennediane del PD (analisi questa che solo per caso coincide con quella di Cicchitto). Veltroni perderà le elezioni regalando al PDL una delle maggioranze piu’ schiaccianti della storia della Repubblica, mentre Di Pietro che sull’antiberlusconismo ha puntato tutto triplica i propri voti.

Veltroni dopo la prima fallimentare esperienza, ritenta la via del dialogo.


Veltroni fa ombra.
A questo punto il nostro eroe sprofonda nello psicodramma, ma lo fà col piglio del vero leader. Conquistata con coraggio l’opposizione, decide di non farla. In piena estate, con l’urgenza tipica di chi è davvero indignato, proclama una protesta da tenersi a metà Autunno. Vara un governo ombra, con ministri ombra, che scrivono utilissime leggi ombra. Litiga con Di Pietro, il suo unico alleato, scansandolo come un appestato per il suo truculento antiberlusconismo, malattia  notoriamente portatrice di voti. Loda la capacità della Lega di stare sul territorio, poi guarda il Loft, eppure non gli viene in mente niente. Ritenta, non pago, la via del dialogo ottenendo in cambio da Berlusconi una lunga sequela di insulti e qualche goliardica pernacchia. Walter vorrebbe fare le grandi riforme insieme al governo, ma non lo lasciano votare nemmeno una leggina. A questo punto un dubbio lo coglie, non sarà mica che in Italia non si sia ancora abbastanza Americani? Mentr’egli si strugge davanti alle foto di Obama e sogna marce al fianco di Martin Luther King in nome dell’emancipazione degli afroamericani, all’uscio s’assiepano le fazioni sanguinarie de’ suoi sodali, ch’ormai  han finito d’affilare i coltelli.

La caduta.
Dispiace un po’ quando un fesso fa la fine che merita ma, ahimé, cio’ rientra nell’ordine naturale delle cose. Il resto è storia recente.: mentre Veltroni prende la via dell’oblio (*), l’Italia guarda Mina a Sanremo.  I compagni democratici si guardano intorno  spauriti in cerca di un leniniano “Che fare“?
Non chiedetelo a me che non voto PD, l’idea quasi m’offende, e non sono nemmeno un buon indovino visto che il miglior successore mi pareva Soru, appena disintegrato.  Rallegratevi tuttavia compagni (o v’offendete voi se vi chianmo così?), il guaio piu’ grosso ce l’ha Berlusconi che difficilmente riuscirà a trovare un avversario altrettanto incapace.
Emh, in effetti…cazzo… ci sarebbe sempre Fassino.

(*)Adesso che ha dato il suo prezioso contributo andrà in Africa, sì?

I dolori del giovane Walter: Il re senza corona.(I)

Mi piace ricordarlo così Walter Veltroni, mentre compie un gesto  ostentato e goffo da quel vero leader che non è mai stato e , in cuor suo, avrebbe tanto voluto essere.  Suo malgrado non è  mai diventato un grande presidente democratico americano come il suo mito  Jonny Kennedy: gli è  mancata l’America, la presidenza e pure la grandezza. Tra le maschere della politica a Veltroni è toccata   quella del re senza corona, il pretendente ad un trono che non poteva che sfuggirgli, l’avversario perfetto che tutti vorremmo trovarci di fronte,  politicamente parlando, il fesso di comodo che tiene unita la baracca mentre le fazioni sconfitte affilano i coltelli.  Ho scritto spesso che Veltroni è un fesso, destinato a perdere, ma la mia non era una posizione preconcetta. All’inizio anzi nutrivo in lui perfino qualche flebile speranza dovuta alla sua esperienza di sindaco che non era stata del tutto disastrosa (o meglio, i maggiori disastri si sarebbero visti verso fine mandato). Sì lo so, il modello Roma  era una mistificazione eppure Veltroni, anche contando la consegna della città nelle mani dei palazzinari, segnava  comunque la linea di un certo lentissimo miglioramento della città. Del resto qui dalle mie parti siamo diventati di bocca buona: quando hai Carraro perfino Rutelli ti sembra un’ancora di salvezza. Dopo otto anni otto di Rutelli, perfino Veltroni ti appare sotto l’improbabile veste di un dono del cielo. Dopo sette anni di Veltroni, mentre chiudono i negozi, il popolo viene cacciato dal centro e nella campagna romana sorgono ovunque mega-centri commerciali come osceni monumenti funebri alla società dei cittadini e fastosi tributi a quella nascente dei consumatori, perfino Rutelli… emh, no. Due volte lo stesso giochino non funziona. Siamo diventati di bocca buona noi romani, ma non siamo ancora del tutto rincoglioniti.

D
a dove veniva ordunque quel mio flebile ottimismo? A pensarci bene da tutte sensazioni non politiche. Veltroni provenendo dal PCI, ma essendo un moderato nei toni piu’ che nelle confuse e modaiole posizioni politiche, sembrava in grado di dialogare sia coi suoi ex colleghi di partito del PRC che con i popolari: sulla gente di sinistra sto’ mito dell’unità esercita sempre un certo fascino, anche quando non ci crediamo piu’ da un pezzo.  Veltroni aveva anche una vèrve dialettica maggiore di Prodi (sì ok, bastava anche un qualunque venditore di auto usate) e un background culturale, piu’ che burocratico, che lasciava sperare in una sensibilità superiore al mero economicismo amministrativo. Quest’altra sciocchezza del re-mecenate o, peggio ancora, del re-filosofo è un’altra cosa che a noi di sinistra ci ha sempre suggestionato, anche se non ci abbiamo mai creduto nemmeno un po’.

In realtà nemmeno questo è sufficiente… il motivo è piu’ banale e riguarda sempre la questione della bocca buona.

A dirla tutta la flebile speranza in Veltroni nasceva dal fatto che dopo aver visto all’opera D’Alema (quello intelligente), dopo aver visto candidare Rutelli (quello laico e ambientalista), erano rimasti soltanto lui e Fassino.  Adesso ricordo come germoglio’ quella fatua speranza: è che davanti a Fassino, perfino Veltroni…