Tutta colpa di Alemanno?

Renato Biagetti mori’ colpito da dieci coltellate di fronte al pezzo di mare dove mi trovate da maggio a settembre a prendere il sole, a 100 metri  da dove sempre piu’ di rado e con risulati sempre peggiori , se c’e’  mare di scaduta cerco ancora ogni tanto di cavalcare le flebili onde del Mediterraneo. Renato mori’ sotto gli occhi di alcuni miei amici e fu una delle tante aggressioni fasciste avvenute a Roma negli ultimi anni.

Tante, tutte piu’ o meno
ricordate e segnalate su questo muro verde.

Non era, ne e’, mia intenzione fare l’ennesimo blog antifa e, a dirla tutta, di para, pseudo, neo e protofascismi, non senza una certa ambiguita’ nell’uso dei termini  e dei toni, ne parlo anche troppo. Avrei voglia di evitare e mi sforzo di mantenere un po’ di equilibrio cercando di tenermi lontano da letture superficiali o garibaldine.

Pero’ le cose accadono e mi accadono intorno.

 


L’altra sera ero ancora dall’altra parte dell’Atlantico mentre, proprio vicino casa il Brigante, il Tassista e lo Zingaro (vecchio compagno di viaggi e neocoinquilino) andavano al concerto organizzato per ricordare la morte 
di Renato Biagetti a due anni dalla tragica notte di Focene. Al termine del concerto c’e’ stata un’altra aggressione neofascista con le immancabili lame al grido di “zecche andatevene!”.

Su questo blog non ci trovate ne’ la propaganda di partito ne’ tantomeno quella del Centro Sociale di zona, non ci trovate, spero si legga con chiarezza, nessuna nostalgia del ’77. Anzi, se continuo a commentare e segnalare e’ proprio  perche’ temo che in assenza di qualunque risposta a questi fatti prima o poi qualcuno, come gia’ avvenne in passato, comincera’ a dare le risposte sbagliate. Del resto nel clima di insicurezza e impunita’ si crea quella zona d’ombra in cui chi non intende distinguere tra autodifesa e rappresaglia sguazza, abbracciando fors senza accorgersene le modalita’ d’azione e di pensiero dei propri aggressori.

Segnaliamo anche questa, tanto per lasciare traccia e memoria in favore degli smemorati come Nicola Marrazzo e Riccardo Milana del PD che lasciano intendere, strumentalizzando, come da qualche mese aggressioni di questo tipo si stiano intensificando in un clima di impunita’ e legittimazione:”da qualche mese”, cioe’ da quando c’e’ Alemanno. Eh no… mi spiace, Renato e’ morto due anni fa e da allora di aggressioni ce ne sono state in quantita’, basta leggerlo sui muri di Internet, negli archivi dei giornali e basta chiedere alla gente.

Senza riporre alcuna fiducia in Alemanno e i suoi sodali, soprattutto su questi temi, va ricordato agli smemorati che se d’impunita’ e legittimazione  si tratta, e’ cominciata con Veltroni, col PD  e col loro Modello Roma, idillio supremo di una citta’ aperta e tollerante, dove la societa’ civile e i virtuosi amministratori sono stati maestri in sedici anni di governo di sinistra nel guardare dall’altra parte.

Non volevano rogne poverini, mentre adesso che governano gli altri lanciano strali e fingono di mettere perfettamente a fuoco il problema. Peccato  che la propaganda di partito di problemi non ne abbia mai risolti  forse proprio perche’, orba e strabica per sua natura, e’ abituata a mettere a fuoco con un occhio solo: quello che guarda alla convenienza politica e ignora, tutte le volte che le fa comodo, la realta’ dei fatti.